Pubblicato il Lascia un commento

La mia Città

Cammino lentamente per le strade della mia città, la mia, non quella dove sono nato, non quella dei miei genitori, la mia città. Quella che ho scelto con il cuore per una sensazione astratta, irrazionale, che al di là del traffico, dello smog, della chiusura tribale delle menti, mi ha fatto sentire al posto giusto. La città dove ho capito chi sono. La città dove ho sentito il pensiero dei filosofi, vissuti qui migliaia di anni or sono, fluttuare nell’aria e deridere l’orgoglio sbraitato di chi oggi si vanta di appartenere, per luogo di nascita, alla loro stessa antica civiltà scomparsa.

|

Cammino triste, forse per l’ultima volta, domani si parte.

Di queste strade piango ogni angolo, ogni muro sporco, ogni albero, il fumo nero dell’autobus, il blu del cielo, il suono dei claxon, piango tutto quanto ha contribuito in passato al mio più grande dolore di straniero, solo, intruso non benvenuto, quel dolore che mi ha aperto il varco più caro, come ultima spiaggia, all’esplorazione di me stesso, proprio nel contrasto tra la mia anima libera e il mio corpo assetato di veleno.

|

Partito, sento la nostalgia per quel posto che avevo fatto mio, per quel luogo che dopo anni mi aveva regalato finalmente un senso di appartenenza, di riconoscimento, che sembrava combattere la mia insicurezza. Ma poi mi guardo attorno, non dimentico la mia città come non ho dimenticato quella della mia infanzia. Curioso, trovo nuovi luoghi, nuove genti che posso capire, persone che mi fanno sorridere quando non capiscono me e che mi fanno infuriare quando discriminano il “diverso”. Non sono più straniero, nessuno mi è forestiero.

|

Stranieri a se stessi, circondati da forestieri, confusi come chi ha dimenticato, vedono il “diverso” ovunque coloro che si lasciano limitare dal pur legittimo senso di appartenenza al fascino di un luogo, al gergo di un piccolo gruppo.
Io sono a casa qui come altrove. La mia città è una sfera. Il mio mondo infinito. Il mio popolo, milioni di milioni di anime, o meglio una sola.

 
Mario Caramel – 15,11,2010

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *