Pensa con la tua testa

August 23rd Al Vapore

Tonight Friday 23 August 8 pm. Al Vapore
Via F.lli Bandiera 8, Marghera (VE)

Felicia Porter – trombone and voice
Soiram Maha Llemarah – alto sax and guitar
Mauro Baratto – percussion

Al Vapore

Domani sera suoneremo al Vapora a Marghera (VE)!

o κύριος Θανάσης

Quando vivevo ad Atene avevo un anziano vicino, il signor Thanassis, che abitava al piano terra della casa di fronte, dall’altra parte della strada. Ci salutavamo ogni mattina e spesso scambiavamo due parole. Quando il signor Thanassis era rimasto vedovo aveva reagito molto male, aveva cominciato a bere troppo e si era fatto una brutta fama nel vicinato perché da ubriaco spesso sbraitava imprecazioni contro il televisore che teneva a tutto volume o metteva una musica triste, straziante che disturbava tutti. La gente aveva preso a insultarlo e a mancargli di rispetto per questo suo vizio. Dopo qualche anno tuttavia, il signor Thanassis si era calmato e aveva smesso di bere. Aveva preso l’abitudine di alzarsi ogni mattina prima dell’alba e di camminare fino alla spiaggia che si trovava a qualche chilometro da dove abitavamo. Andava in spiaggia tutte le mattine anche di domenica e faceva il bagno con qualsiasi tempo, anche d’inverno. Poi tornava a casa in autobus verso le 10.00 del mattino e con un sorriso raggiante, felice di stare al mondo, si metteva a spazzare la strada e il marciapiede davanti a casa sua, salutando gentilmente chi passava di là. Diceva sempre:
“Pulisci bene di fronte alla porta di casa tua prima di giudicare gli altri.”
A quel punto, se mi vedeva affacciarmi al balcone, mi invitava a bere un caffè. Accettavo sempre volentieri perché mi era simpatico e il suo caffè greco era buonissimo. Mi sedevo a un tavolino nel cortile di casa sua con vista sul marciapiede appena pulito per bene, e lui, mentre mi offriva il caffè, mi raccontava peste e corna di tutti i vicini che gli avevano mancato di rispetto quando era stato in difficoltà, che poi erano gli stessi che sparlavano anche di me perché ero lo straniero. Non aveva peli sulla lingua il signor Thanassis, ma lui, prima di aprir bocca, puliva bene davanti alla porta di casa. Morì felice un mattino, solo, sulla spiaggia, dopo aver fatto l’ultimo bagno e io non lo dimenticherò mai. Degli odiatori e dei calunniatori invece, non ricordo più neppure i nomi.

– Il tempo e il professore – nuova edizione

Descrizione: – I metodi discutibili del professor D’Onofrio, egocentrico insegnante di musica, mettono a dura prova la buona volontà degli studenti del conservatorio Ludwig. Solo la Schneider, l’allieva modello, bella e adulatrice, ha vita facile. Per tutti gli altri il tempo si è fermato e con esso la speranza di evoluzione.
Il tempo si ferma, riparte e poi si ferma e riparte di nuovo. L’intera città diventa una scuola e prende il nome di Elpida che nella lingua antica voleva dire Speranza.
Nella seconda parte un giovane musicista di talento, istruito e preparato, ma privato della vita vissuta, decide di scappare e di andare a conoscere il mondo. Si imbarca su un vecchio veliero che insegue la nave degli scienziati e, viaggiando per mare, conosce altri luoghi dove il tempo è stato fermato dalla censura e dalla cattiva istruzione di accademici disonesti. Decide così di tornare a Elpida per combattere con cultura e creatività le insidie di un mondo sempre più ignorante e violento. –
Acquistabile con firma dell’autore nel nostro Store. Oppure lo si può ordinare in tutte le librerie Feltrinelli e su lafeltrinelli.it

Motto degli Elpidiani

– Studia e metti in pratica, studia ancora, sperimenta, sbaglia, impara. Conosci tanto la vita da non cadere più nella trappola delle sue imitazioni. – Motto elpidiano tratto dal romanzo –
Il tempo e il professore –
di Mario Caramel.

La vita in scatola

vita in scatola | Esperienze, persone, fatti, informazioni, metti tutto in piccole scatole chiuse, sommariamente etichettate,
che ingerisci sterili mentre, illuso, accumuli quello che chiami la tua conoscenza.
Quando poi ti guardi dentro in cerca di risposte mature, quelle scatole chiuse ordinatamente stipate, reciprocamente costrette, ben poca conoscenza ti danno.
Liberati di scatole ed etichette, mescola tutto in un fluido, uno solo, lascialo crescere e finalmente capirai.

Mario Caramel

L’infinito

Bandiera e campanile confortano e inorgogliscono quelle menti codarde che temono l’infinito